SE ROMA E’ LADRONA.. LA LEGA?

La Lega Nord per l’Indipendenza della Padania nasce formalmente il 22 novembre 1989. E’ un’unione di leghe etnonazionalistiche, che hanno fatto del federalismo e della contestazione agli sprechi del Sud ed in particolare di Roma il loro cavallo di battaglia. Ma ad oggi la Lega Nord è ancora fuori da questo sistema di sprechi e privilegi? Può ancora tuonare alla Roma ladrona, tanto in voga negli anni 90, ma che anche nel decennio del nuovo millenio lo si ritrovava sui cartelloni elettorali? Questo mio breve lavoro, fatto di più articoli, vuole individuare e sottolineare le contraddizioni di questi uomini politici, che si proclamano tanto santi e molto vicini alla gente, ma che in verità sono diventati i primi politici a spartirsi tutti i posti e ad avere rapporti clientelari.

Nel nostro primo dossier partiamo dai primi anni 90. Anni torbidi per la politica italiana, con Tangentopoli che fa venire a galla, giorno dopo giorno, la corruzione della politica italiana, presente a tutti i livelli. Chi non si ricorda le immagini di deputati missini e della Lega che agitano il cappio contro la corruzione imperante? Peccato che sia solo un’immagine di facciata. Anche il Carroccio fu coinvolto in un giro di tangenti. Prova lampante di questo è la mazzetta della Montedison, che il segretario di Carlo Sama, Portesi, consegna al tesoriere di Bossi, Patelli. E’ una tangente da 200 milioni di lire. Di quei soldi per la campagna elettorale del 1992, solo 50 vengono utilizzati, perchè i restanti spariscono in un molto sospetto furto negli uffici milanesi di Patelli. Quest’ultimo proverà a passare per un “pirla”, come venne anche definito,ma ciò non tolse la condanna a 8 mesi per finanziamento illecito a Bossi. Il senatur ha sempre negato di aver percepito quella tangente; ma stampata nella memoria rimane la frase del teorico Gianfranco Miglio (a noi noto in quanto a lui è intitolata la scuola di Adro): “Patelli è stato un martire che si è dovuto prendere la colpa per coprire Bossi”.

Sempre rimanendo in tema di pecunia, i vertici leghisti avevano deciso di farsi una banca; la banca del nord. L’Umberto nazionale invitò tutti i leghisti a sottoscrivere le quote: nacque in questo modo la Credieurond. L’istituto, probabilmente per cattiva gestione, incominciò a perdere capitale e venne rilevata da Fiorani. Ma gli errori erano stati già trovati da Bankitalia nel 2003 a cui seguì una sanzione ai vertici della banca. La vicenda di questo colosso di carta si chiude alla fine del 2006 con le condanne a risarcire 3 milioni di euro inflitta a 3 dirigenti. Vi erano presenti anche politici leghisti nella vicenda (Balocchi, Giorgetti, Stefani) ma verranno tutti assolti. Anche se Galimberti, uno dei 3 condannati, precisa che “tutte le pratiche venivano presentate al consiglio d’amministrazione, dove erano presenti anche i personaggi assolti, ed erano approvate all’unanimità. Anche il collegio dei sindaci non ha mai avanzato rimostranze”. E si scaglia soprattutto contro Balocchi, tesoriere della Lega e componente del cda della banca: “Ci aveva fatto assumere decisioni molto onerose, ma lui era un nome che contava nella Lega, ci forniva rassicurazioni e noi non ci potevamo certo sottrarre alle sue indicazioni”. In poche parole: i dirigenti leghisti decidevano il da farsi, ma chi paga ora sono i 3 dirigenti.

 

Questi sono i primi accenni alle contraddizioni presenti nel Carroccio; nei prossimi articoli su questo tema ne snocciolerò altri. Chiedo che questo articolo e i successivi vengano fatti girare il più possibile per informare quante più persone possibili!

Alla prossima puntata!!

Ringrazio anticipatamente Alessio Bernardi, per avermi fornito molte informazioni che ho tratto dal suo blog http://aldo-boro.blogspot.com/



 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...