TEST INVALSI, PER I BIMBI DISABILI CLASSI DIFFERENZIATE

Nel caos delle prove Invalsi ( test con cui si valuta la preparazione dei nostri studenti) forse la notizia è sfuggita. Eppure la circolare ministeriale una volta tanto è scritta a chiare lettere. Al punto “Alunni con disabilità intellettiva” dice esplicitamente che questi non possono né devono partecipare ai test di valutazione nazionale. (Il loro handicap abbasserebbe la media, soprattutto delle classi campione). Se però i genitori in questi giorni li vogliono proprio portare a scuola, e i prof e i maestri non vogliono che si sentano esclusi, ebbene, quei bambini e ragazzi potranno sì fare il test, purchè in un “locale differente da quello utilizzato dagli altri allievi”, al fine di non disturbare la prova dei “normodotati”.  Non solo. Lo stesso trattamento è riservato ai bimbi ipovedenti, e a quelli con i disturbi dell’apprendimento: per loro, che utilizzano strumenti speciali, la prova è prevista, ma, appunto, in locali diversi da quelli dei loro compagni di classe…

Dunque per le prove Invalsi il ministero dell’Istruzione ipotizza, anzi richiede, il ritorno alle “classi differenziali”. Parole troppo forti? No, leggete lo stralcio della circolare che allego qui sotto. Eppure la legge 577 del 1977 impone espressamente alla scuola di integrare i bambini disabili con i bambini normodotati, in virtù dell’articolo 3 della Costituzione italiana sulla eguaglianza di tutti i cittadini…Ma forse al ministero dell’Istruzione le copie della Costituzione sono ritenute una lettura inutile.

Ecco il link per il documento di sui si parlava: http://www.invalsi.it/snv1011/documenti/Nota_sugli_alunni_con_particolari_bisogni_educativi.pdf

Articolo tratto dal blog di Maria Novella De Luca su Repubblica.it

Un pensiero su “TEST INVALSI, PER I BIMBI DISABILI CLASSI DIFFERENZIATE

  1. Sono pienamente d’accordo,i bambini disabili devono essere integrati nella scuola e nelle prove Invalsi,magari con qualche accorgimento visto il fattore disabilità,poi dipende dal tipo di problema che porta l’alunno,ma si sa gli articoli della costituzione italiana,vengono fatti x poi essere contraddetti purtroppo,in effetti mio figlio sta facendo queste prove,ma nn viene rispettata la privacy,e tante altre cose che nn sto ad elencare,buona giornata.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...