UN VOTO STORICO

A due giorni dalla chiusura dei seggi si può fare un’analisi molto interessante della situazione politica e dello stato della Federazione della Sinistra. Vi sono alcuni punti su cui è utile riflettere e punti che si delineano dal voto di circa 13 milioni di persone.

1) La sconfitta di Berlusconi è assodata. Aveva fatto delle elezioni di Milano un referendum sulla sua persona; e l’ha clamorosamente perso. Lo denota lo scarso risultato della Moratti e lo denotano le 27 mila preferenze prese da lui. Il suo obiettivo era superare il risultato delle comunali del 2006, e quindi ricevere più di 53 mila voti. Obiettivo miseramente fallito. La gente, in questo modo, ha detto che è stanca del suo modo di fare politica; tutte promesse e nessun fatto. Gli elettori di centro-destra gli hanno sbattuto in faccia anche che l’attacco continuo alla magistratura e la denigrazione degli avversari non sono più accettati; il dato inequivocabile di questa idea sono le sole 700 preferenze raggiunte da quel Lassini che aveva tappezzato la città di manifesti con scritte che tutti noi ricordiamo: “Via le BR dalle procure”. Il PDL poi non può esultare neanche  a Napoli dove pensava di stravincere, mentre il suo candidato si è fermato ad un poco onorevole 38% andando così al ballottaggio con Luigi de Magistris, candidato sostenuto dalla Federazione della Sinistra e dall’IDV. E neanche la Lega se la passa meglio, se a Milano rispetto all’anno scorso perde quasi 5 punti percentuali.

2) Nonostante l’oscuramento mediatico gigantesco e il sostenimento dei media a determinati partiti politici a danno di altri, la Federazione della Sinistra ha invertito il trend negativo raggiungendo buoni risultati a Milano, a Napoli, a Reggio Calabria e in tanti altri posti. Se poi vogliamo prendere un campione più veritiero per l’andamento nazionale dobbiamo basarci sulle provinciali e non sulle comunali e il risultato anche in questo senso è buono: 4,1%. Questo è merito del grandissimo lavoro di migliaia di compagni che hanno permesso alla Federazione di conseguire un risultato così buono, nonostante per mesi i sondaggi ci dessero all’1% e nonostante ancora ieri Ballarò ci desse all1,9% e Sel all’8,2%. Abbiamo visto che la forbice è molto minore e SEL è circa al 4,5% .

3) Con questo voto gli elettori della Federazione della Sinistra hanno espresso la loro volontà. Infatti la Federazione è stata ripagata con la fiducia laddove si è presentata in coalizione. Dove si è andati da soli o con forze alla nostra sinistra purtroppo il risultato è stato molto scarso, vedi a Torino dove si è arrivati solo all’1,5%. Il risultato è stato molto buono anche nelle zone in cui si è riusciti ad organizzare una lista con Sinistra Ecologia e Libertà, ad esempio a Macerata dove si è raggiunto il 10%. Io credo infatti che, essendo SEL, il nostro referente di primo piano dovremmo cercare dove possibile di collaborare con loro. E aggiungerei anche l’IDV, cosa che è già avvenuta in diverse zone d’Italia.

4) L’ultima considerazione riguarda il PD e con lui tutto il centrosinistra. L’elettorato ha dimostrato con questo voto che non vuole aperture al centro, ma vuole alleanze con la Sinistra. Questa cosa è palese. E sarà un caso che dovunque la coalizione abbia presentato un candidato di rottura e non simbolo degli apparati di partito, ad eccezione di Fassino a Torino, questa è stata premiata: vedi Pisapia a Milano, De Magistris a Napoli (sostenuto però solo da Federazione della Sinistra e IDV), Zedda a Cagliari ecc.. Sono tutte indicazioni che il maggior partito d’opposizione e il centro sinistra in toto farebbe bene a non dimenticare.

Indubbiamente queste elezioni sono una grande iniezione di fiducia. Ora c’è ancora molto da lavorare per i ballottaggi, per i referendum del 12 e 13 giugno e per il futuro. Di certo queste elezioni hanno detto una cosa forte: la Federazione della Sinistra c’è e conta molto!!!

2 pensieri su “UN VOTO STORICO

  1. Complimentix il lavoro svolto,le percentuali nn sono alte ,a parte Macerata,ma è importante essere ottimisti ed andare avanti,questo è un segnale che la gente è stanca e vuole fatti e nn solo parole,questo il momento giusto affinche vi diate da fare ancora di più.è il momento giusto x approfittare della situazione,quindi forza e buon lavoro

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...