CI STANNO RUBANDO LA VITA!

Approvata la manovra da 45 miliardi di euro, una manovra che colpisce le fasce di reddito già in difficoltà, ovvero le famiglie, i giovani e gli emarginati. La scure è scesa senza pietà.

Vengono colpiti comuni, provincie e regioni, attraverso il pesante ridimensionamento dei trasferimenti. Abolite le provincie sotto i trecento mila abitanti, accorpamento per 1500 comuni, tagli ai fondi assistenziali, alle energie rinnovabili, liberalizzazioni selvagge. E poi le pensioni, la scuola, la deroga sui contratti nazionali. Insomma possiamo dire senza troppe ipocrisie e giri di parole che la Democrazia oggi è morta, mano libera alla preclusione del futuro alle nuove generazioni, tutto sarà ancora più difficile, affrontare quello che verrà domani sarà un rebus che andrà ad incidere profondamente sulla qualità della vita.

I poteri forti, chi possiede capitali, non viene minimamente investito dalla scure dei tagli. Il lavoratore, quello che si alza tutte le mattine per uno straccio di stipendio viene ancora una volta messo all’angolo da una politica che non riesce più a prendere decisioni che abbiano delle virtù, anche minime, capaci di pensare con lungimiranza al destino del Paese Italia.

Hanno preferito tenere ben chiuso il forziere dei capitali dell’industria, della Banca d’Italia, e di tutti quegli anfratti della galassia del potere che domina il nostro Paese. Neanche mezza riga riguardo una lotta seria, e dico seria, all’evasione fiscale, piuttosto che l’abolizione dei tanti privilegi alla chiesa, piuttosto che lo stop alle missioni di guerra in cui è impegnato il nostro esercito, spacciate tutte per missioni di pace.

L’Italia è stanca di avere un Governo incapace di intendere e di volere, che in due giorni approva una manovra decisa e imposta fuori dai confini nazionali, vogliamo qualcosa di più, vogliamo un futuro che ci possa rappresentare, che possa dare una scossa alle passioni, alla voglia di fare, alla cultura.

Un grido si deve levare forte e chiaro. Un grido che unisca le tante anime di un Paese alla deriva, immerso purtroppo in un sonno ancora profondo. Svegliamoci, perchè ci stanno rubando la vita!

Di seguito, in dettaglio, la scheda completa della manovra:

AUMENTO IRPEF AUTONOMI OLTRE 55MILA EURO 
Un aumento della quota Irpef per gli autonomi, forse a partire dall’attuale 41% per i redditi oltre i 55.000 euro. La misura, inizialmente prevista per 2-3 anni, potrebbe essere a carattere permanente.

A RISCHIO TREDICESIMA STATALI 
I dipendenti delle amministrazioni pubbliche che non rispettano gli obiettivi di riduzione della spesa potrebbero perdere il pagamento della tredicesima mensilità.

TFR RITARDATO 2 ANNI PER STATALI 
Il pagamento con due anni di ritardo dell’indennità di buonuscita dei lavoratori pubblici è un’altra delle misure prevista nella bozza di decreto.

TAGLI AI COSTI DELLA POLITICA 
Nel provvedimento non si parla di ridurre il numero dei parlamentari e i loro privilegi (ad eccezione dei voli in classe economica per deputati e senatori, amministratori pubblici, dipendenti dello stato, componenti di enti ed organismi), ma si interviene sulle “poltrone” locali”. Intervenendo in conferenza stampa a Palazzo Chigi Berlusconi ha però sostenuto che in realtà “ci sono numerosi interventi, credo anche eccessivi rispetto a ciò che sarebbe giusto, ma abbiamo seguito i desiderata dei cittadini che guardando alle loro condizioni hanno ritenuto che i politici e i parlamentari avessero entrate eccessive”. In particolare, ha spiegato il premier, si è intervenuti “in tutte le direzioni”. “Il numero di poltrone eliminate – ha aggiunto – è importante, intorno alle 54 mila”. Altra misura, stando alle indiscrezioni, sarebbe quella relativa al contributo di solidarietà. Secondo quanto riferito da fonti governative, è previsto infatti un “contributo di solidarietà” anche per deputati e senatori pari al 10% per i redditi superiori ai 90 mila euro ma inferiori a 150 mila, e del 20% per quelli superiori a 150 mila euro. Esattamente il doppio di quanto previsto per i dipendenti pubblici e privati. Inoltre, per i dipendenti ‘normali’ il contributo è deducibile, mentre per gli ‘onorevoli’ non lo sarà. Infine, viene ridotta del 50% l’indennità per il parlamentare che ha un reddito uguale alla stessa indennità. Infine la decisione che saranno solo in classe economica i voli per parlamentari, amministratori pubblici, dipendenti dello Stato, componenti di enti ed organismi.

PENSIONI 
Viene anticipato dal 2020 al 2015 il progressivo innalzamento a 65 anni (entro il 2027) dell’età pensionabile delle donne nel settore privato. Nessuna misura, invece, contrariamente a quanto anticipato, sulle pensioni di anzianità.

SCUOLA 
Il comunicato finale del governo spiega che “per far fronte alle esigenze della scuola, nell’imminenza dell’avvio del nuovo anno scolastico, su proposta dei ministri Brunetta e Tremonti, è stato inoltre approvato un decreto presidenziale che autorizza per il solo anno 2011-2012 il trattenimento in servizio di 414 dirigenti scolastici; il decreto, altresì, prende atto di quanto definito dalla programmazione triennale delle assunzioni nella scuola, autorizzando l’assunzione a tempo indeterminato di 30.300 Unità di personale docente ed educativo e di 36.000 Unità di personale amministrativo, tecnico ed ausiliario”.

STOP PONTI, FESTE SPOSTATE AL LUNEDI’ 
Le festività infrasettimanali “non concordatarie” verranno spostate al lunedì. “Come avviene in tutta Europa”, ha confermato il ministro dell’Economia.

DEROGA CONTRATTI NAZIONALI 
Nella manovra c’è anche l’estensione ‘erga omnes’ dei contratti aziendali che potranno così derogare a quelli nazionali e a parte dello Statuto dei lavoratori. Non sarebbe più prevista la delega per lo statuto dei lavori e in particolare diventerebbe più facile licenziare i lavoratori con contratti a tempo indeterminato. La misura è stata spiegato così dal ministro Sacconi: “Le norme approvate in materia di lavoro contengono il cuore dello Statuto dei lavori in quanto attribuiscono ai contratti aziendali o territoriali la capacità di regolare tutto ciò che attiene all’organizzazione del lavoro e della produzione anche in deroga ai contratti collettivi e alle disposizioni di legge quando non attengano ai diritti fondamentali nel lavoro che in quanto tali sono inderogabili e universali”. In concreto significa, ad esempio, che sono “efficaci nei confronti di tutto il personale” anche le norme contenuto nell’accordo firmato da Fiat per Pomigliano e Mirafiori con il no della Fiom-Cgil.

ROBIN HOOD TAX 
Nella manovra c’è anche una “Robin Hood tax per il settore energetico”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, in conferenza stampa a Palazzo Chigi senza specificarne meglio i contenuti.

SENZA SCONTRINO RISCHIO CHIUSURA 
Tracciabilità di tutte le transazioni superiori ai 2.500 euro con comunicazione all’Agenzia delle entrate delle operazioni per le quali è prevista l’applicazione dell’Iva. E’ quanto prevede la bozza di manovra che sarà discussa nel corso del Consiglio dei ministri di stasera, nella parte relativa al cosiddetto ‘spesometro’, già in vigore. E’ inoltre previsto l’inasprimento delle sanzioni, fino alla sospensione dell’attività, per la mancata emissione di fatture o scontrini fiscali.

GIOCHI E TABACCO 
Il comunicato finale di Palazzo Chigi parla genereciamente di “misure in materia di giochi ed accise sul fumo”.

CONTRIBUTO SOLIDARIETA’ 
Contributo di solidarietà a due vie per i lavoratori dipendenti e per gli autonomi. Per i dipendenti del settore privato è previsto un prelievo del 5% per la parte del reddito eccedente i 90mila euro e del 10% per la parte eccedente i 150mila euro. Per i lavoratori autonomi l’addizionale scatta invece a partire dall’aliquota del 41% che si applica ai redditi superiori a 55mila euro. La misura, al momento sperimentale, ma potrebbe diventare permanente. “Un prelievo di solidarietà per i redditi un po’ più elevati che allinea quanto fatto nel settore del pubblico impiego”, ha chiarito Tremonti.

NIENTE MISURE SU IVA, IMMOBILI E PATRIMONI 
Nella bozza di manovra che entrerà in Consiglio dei ministri non appare l’aumento dell’Iva. Anzi l’ipotesi sarebbe accantonata. Salterebbe anche qualunque intervento sugli immobili e i patrimoni mobiliari.

NIENTE TAGLI A STIPENDI 
Il documento non contierrebbe la riduzione degli stipendi dei dipendenti pubblici.

RENDITE FINANZIARIE 
Aumento al 20% della tassazione su tutte le rendite finanziarie, esclusi gli interessi dei titoli di stato che restano al 12,5%. Questa misura è stata confermata dal ministro Tremonti.

PRIVATIZZAZIONI 
Nella manovra è stato inserito anche un meccanismo “molto efficace” per la privatizzazione dei servizi pubblici. Lo ha detto il ministro Tremonti spiegando che il sistema consentirà alle amministrazioni che procederanno alle privatizzazione di sbloccare risorse per gli investimenti. “Un meccanismo molto efficace – lo ha definito il ministro – per i servizi pubblici: se smobilizzi puoi fare investimenti”.

MINISTERI
Previsto un taglio di 6 miliardi di euro nel 2012 e 2,5 nel 2013.

ENTI LOCALI 
Verranno ridotti 6 miliardi di trasferimenti nel 2012 e 3,5 nel 2013. Per le regioni il peso della riduzione dei fondi è pari a 1 miliardo di euro. La sanità non verrà toccata.

PERDITE 
Riduzione per le società al 62,5% della possibilità di abbattimento delle perdite.

RINNOVABILI 
Torna l’ipotesi del taglio del 30% degli incentivi. Non potranno essere superiori alla media di quelli erogati negli altri Paesi d’Europa. Ma stando ad altre fonti il punto in un secondo momento sarebbe stato stralciato.

MERCATO ELETTRICO 
L’ipotesi è quella della divisione in tre macrozone (Nord, Centro, Sud).

SERVIZI PUBBLICI LOCALI 
Si punta alla liberalizzazione e verranno incentivate le privatizzazioni.

FONDI FAS 
Saranno anticipate di un anno le riduzioni del Fas, il Fondo per le aree sottoutilizzate.

DELEGA FISCALE
“Noi chiediamo al Parlamento la delega per la riforma assistenziale e fiscale non più sul 2012 ma sul 2011 e nel corso del 2012 pensiamo di ottenere risparmi assolutamente realizzAbili per 4 miliardi. Nel caso non fosse possibile realizzare quell’obiettivo la garanzia di salvaguardia e una corrispondente riduzione di regime di tax expenditure”. Lo ha detto il ministro dell’economia, Giulio tremonti al termine del Cdm.

ACCORPAMENTO PER 1500 COMUNI 
Sono circa 1.500 i comuni per i quali sarà reso obbligatorio l’accorpamento, in base ai criteri previsti dalla manovra. Si tratta dei comuni sotto i 1000 abitanti. 

VIA PROVINCE SOTTO 300 MILA ABITANTI 

Dalle prossime elezioni è prevista la soppressione delle Provincie sotto i 300.000 abitanti. I capoluoghi interessanti dal provvedimento, stando a una verifica informale, sarebbero i seguenti: 
Ascoli Piceno, Asti, Belluno, Benevento, Biella, Caltanissetta, Campobasso, Carbonia-Iglesias, Crotone, Enna, Fermo, Gorizia, Grosseto, Imperia, Isernia, La Spezia, Lodi, Massa Carrara, Matera, Medio Campidano, Nuoro, Ogliastra, Olbia Tempio, Oristano, Piacenza, Pistoia, Prato, Rieti, Rovigo, Savona, Siena, Sondrio, Terni, Trieste, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Vibo ValentiaResta da capire la sorte di Aosta, provincia con meno di 300 mila abitanti ma di una regione a Statuto speciale.

Dal blog Nuvolarossacazzago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...