La giornata delle Memorie

Ho voluto intenzionalmente attendere due giorni prima di parlare della Giornata della Memoria. Perché non credo basti un giorno solo sul calendario per ricordare ciò che è avvenuto, e che può nuovamente accadere, più di 70 anni fa. La giornata della Memoria dovrebbe essere istituita tutti i giorni dell’anno per far conoscere a tutti, in primis alle nuove generazioni, ciò che l’uomo può fare. Dovrebbe poi essere la giornata delle Memorie poiché la Shoa è stata solo una parte, la più grande certamente, dello sterminio nazista, ma non bisogna dimenticare i rom, gli omosessuali, i detenuti politici, i portatori di handicap, i soldati che non erano schierati con la Germania, in quell’immane follia collettiva che fu il nazismo. Per questo credo sia giusto parlare di memorie. Perché ancora oggi in giro per il mondo vi sono guerre basate solamente su questioni etniche e genocidi basati su questo.

Far sì che questo non avvenga più è il nostro compito, come è nostro compito è sensibilizzare su ciò che sta avvenendo ancora nel mondo: la questione palestinese, la questione curda, le vicende nigeriane e quelle che avvengono nell’Occidente, perché è palese che gli interessi economici e il pensiero deviato di molti uomini stiano ancora portando morte e distruzione nel mondo.

La giornata delle Memorie dev’essere, oltre a quanto detto, un messaggio di pace e solidarietà, perché di questo il mondo in cui viviamo ne ha molto bisogno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...