Il Governo Conte-Cencelli

Finalmente abbiamo un Governo. Il Governo del cambiamento, così è stato definito a più riprese, ma più che del cambiamento la prima immagine che ci consegna è quella della vecchissima politica.

Un’alleanza fatta col manuale Cencelli e con i tecnici

Tutto è nato con l’insediamento del nuovo Parlamento: Lega e Cinque Stelle si sono spartiti tutte le poltrone possibili (con un’unica eccezione, la presidenza del Senato). Questori, commissioni speciali e chi più ne ha più ne metta.

Siamo passati poi alla pantomima: per più di 80 giorni Di Maio e Salvini hanno giocato con le Istituzioni, arrivando a comporre infine un contratto di governo difficilmente realizzabile. D’altronde in campagna elettorale ne hanno fatte di promesse. E’ giusto ora testarli sui fatti.

Certo è che gli insulti a Mattarella sono stati davvero vergognosi. Quello stesso Mattarella a cui saranno a fianco il 2 giugno durante la Festa della Repubblica, festa che per alcune ore era diventata, per qualcuno, la festa contro le Istituzioni e quindi contro la democrazia.

La mossa del nuovo Governo però ha fatto cadere anche gli ultimi altarini: non era Savona il vero problema, ma probabilmente qualcosa di folle che i due scolari delle Istituzioni, Di Maio e Salvini, volevano portare avanti: l’uscita dall’euro. Un’uscita che porterebbe tutti gli italiani, sia chi li ha votati, sia chi non li ha votati, in grandissima difficoltà economica e l’Italia stessa nel baratro. Ora Savona è stato spostato in un dicastero più o meno secondario, quello delle Politiche europee, e tutto va bene. Mattarella ora è diventato un bravissimo presidente della Repubblica.

Non si gioca però con le Istituzioni.

La speranza

Non ci resta quindi che vedere cosa verrà attuato dalla coalizione giallo-verde. Spero per il Paese che il governo del cambiamento sia reale e non solo a parole e soprattutto che vi sia un grande aiuto per le fasce più deboli, partendo da politiche specifiche per il sociale. Non si deve dimenticare poi l’ambiente e il lavoro, così come l’istruzione pubblica. Solo andando a riformare queste tematiche il nostro Paese potrà competere a livello internazionale e garantire il benessere ai cittadini.

Ora chi per anni ha urlato inutilmente può portare avanti, giustamente e democraticamente, le proprie idee. Vediamo se per anni è stata sprecata inutilmente aria o se invece avevano ragione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...